Cos’è cambiato nel Working Holiday Visa per l’Australia?

Viaggi Marzo 26, 2019

Se avete sempre sognato di viaggiare per il mondo o di prendevi un anno sabbatico, è molto probabile che l’Australia vi sia già venuta in mente. Con un Working Holiday Visa, è infatti possibile lavorare legalmente e avere il tempo per esplorare il paese, dalle spiagge dorate di Surfers Paradise alle rocce rosse dell’outback, passando per le acque turchesi dell’Oceano Indiano. Scoprite cos’è cambiato nel Working Holiday Visa in Australia e iniziate subito a organizzare il vostro viaggio!

Cos’è il Working Holiday Visa?

In poche parole, il Working Holiday Visa permette di lavorare e viaggiare in Australia fino a 12 mesi. Entro questo periodo di tempo, è possibile studiare fino a 4 mesi e lavorare per lo stesso datore di lavoro fino a 6 mesi, salvo alcune eccezioni (maggiori informazioni nei paragrafi successivi).

Quali paesi sono idonei per il Working Holiday Visa?

Assicuratevi di verificare l’idoneità del vostro paese prima di prenotare il volo. I cittadini di Belgio, Canada, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Irlanda, Italia, Giappone, Corea del Sud, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Taiwan e Regno Unito possono fare richiesta per un Working Holiday Visa (sottoclasse 417).

Il vostro paese non compare nella lista? Niente panico! Esiste un altro tipo di visto che offre condizioni molto simili: il Work and Holiday Visa (sottoclasse 462). È disponibile per i cittadini dei seguenti paesi: Argentina, Austria, Cile, Cina, Repubblica Ceca, Ungheria, Indonesia, Israele, Lussemburgo, Malesia, Perù Polonia, Portogallo, San Marino, Singapore, Repubblica Slovacca, Slovenia, Spagna, Thailandia, Turchia, Stati Uniti, Uruguay e Vietnam.

Quali sono le differenze tra il Working Holiday Visa (sottoclasse 417) e il Work and Holiday Visa (sottoclasse 462)? Quest’ultimo richiede ulteriori requisiti per quanto riguarda l’istruzione e i richiedenti devono comprovare il loro livello d’inglese. Rivolgetevi ad un consulente per ricevere consigli gratuiti e senza impegno.

Qual è il limite d’età per richiedere il Working Holiday Visa?

Questo tipo di visto si rivolge a persone relativamente giovani, tra i 18 e i 30 anni. Tuttavia, la pagina ufficiale del governo australiano afferma che “se la richiesta del visto viene effettuata a 30 anni, ma nel frattempo vengono compiuti 31 anni prima di una decisione ufficiale, è ancora possibile ricevere il visto.”

Quindi, cosa c’è di nuovo? Ora, solo per i cittadini canadesi e irlandesi, il limite d’età è stato esteso! I cittadini di questi paesi possono inoltrare la richiesta fino a 35 anni.

Quanto costa il Working Holiday Visa?

Il costo del Working Holiday Visa è di 450 dollari australiani.

Ci sono altri requisiti per il Working Holiday Visa?

Per quanto riguarda l’aspetto economico, è necessario avere un biglietto aereo di ritorno dall’Australia e attestare una certa stabilità economica, vale a dire circa 5.000 dollari australiani. Bisogna inoltre dimostrare di non avere gravi problemi di salute o precedenti penali rilevanti. Infine, si deve firmare il cosiddetto Australian Values Statement che indica quanto segue: “durante il mio soggiorno in Australia, rispetterò i valori australiani come elencati in questo modulo e obbedirò alle leggi australiane”.

Quali sono i lavori accessibili con il Working Holiday Visa?

La risposta è praticamente qualsiasi lavoro, ma solo alcuni vi permetteranno di lavorare con lo stesso datore di lavoro per 6 mesi o più. Questi includono: agricoltura e allevamento, pesca e raccolta delle perle, arboricoltura e disboscamento, estrazione mineraria e edilizia.

Oggi, ciò che è cambiato nel Working Holiday Visa in Australia è la possibilità di richiedere un terzo visto per un totale complessivo di 36 mesi se si lavora in questi settori (prima il limite era di due visti, per un totale di 24 mesi). Il Work and Holiday Visa (sottoclasse 462), invece, può essere rinnovato una volta sola, per un totale di 24 mesi.

Infine, per essere chiari sulla regola dei 6 mesi, viene applicata quando si lavora per lo stesso datore di lavoro nello stesso posto.  Un esempio viene dato dal sito ufficiale del governo, in cui viene indicato che si può “lavorare per due alberghi della stessa catena in località diverse” ed essere perfettamente conformi alla legge.

Conclusioni: Oggi, con le nuove modifiche al Working Holiday Visa in Australia, potrete restare nel paese più a lungo e chi viene dal Canada o dall’Irlanda può richiedere il visto anche se ha qualche anno in più! Se rientrate nella fascia d’età per questo visto, non perdete altro tempo e approfittate subito di questa fantastica opportunità per lavorare e viaggiare in tutta l’Australia!

Scopri l’Australia!

Di Leah Ganse

Che cosa ne pensi?