Qual è la storia dietro il 4 luglio?

Viaggi luglio 3, 2018

Se vi è capitato di trovarvi negli USA durante il 4 luglio, probabilmente avrete notato l’incredibile quantità di rosso, bianco e blu che vi circonda! Questo perché il 4 luglio è il Giorno dell’Indipendenza americana e in tutto il paese si celebra con grandi festeggiamenti. Se vi state chiedendo cosa ci sia di così speciale dietro il 4 luglio, continuate a leggere!

 

La storia del 4 luglio

Tutto iniziò nel 1776, quando gli USA erano semplicemente conosciuti come “Le Tredici Colonie”. In uno slancio per diventare un paese indipendente e porre fine al dominio britannico, il padre fondatore Thomas Jefferson stilò la Dichiarazione d’Indipendenza. Forse conoscete già questo famoso passaggio:

 

Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità.

La Dichiarazione venne siglata il 4 luglio 1776 e il giorno divenne festa nazionale nel 1870. Rosso, bianco e blu sono i colori tradizionali della festa, in quanto rappresentativi della bandiera americana!

Come viene celebrato il 4 luglio?

Ma ora, parliamo di cose divertenti… i festeggiamenti del 4 luglio! Pensate a tutti gli stereotipi sugli americani che avete visto nei film: ecco, quello è il 4 luglio. Partite di baseball, barbecue, parate, picnic e, naturalmente, fuochi d’artificio! Avendo il giorno libero dal lavoro, moltissimi americani si recano in spiaggia o al lago per inaugurare la stagione delle vacanze estive. Una tipica giornata del 4 luglio prevede un picnic in famiglia o un barbecue (pollo fritto, costolette alla griglia, insalata di patate e anguria sono un vero must!) seguiti dal ritrovo in un parco o in una spiaggia del posto per ammirare i fuochi d’artificio. In caso di pioggia, si può sempre spostare il picnic in casa e guardare Will Smith contro gli alieni in Independence Day – un appuntamento fisso in TV!

I luoghi migliori dove festeggiare il 4 luglio negli USA

È scontato che vi divertirete ovunque negli Stati Uniti durante il Giorno dell’Indipendenza, ma ci sono alcune città che sono più famose di altre per i loro fuochi d’artificio! Eccovi un paio di posti dove potrete assistere a straordinari spettacoli pirotecnici:

  • New York – I fuochi d’artificio di Macy’s sono leggendari. Vengono lanciati da una chiatta ormeggiata sull’East River e ci sono moltissimi posti a Manhattan dove ammirarli, come un rooftop o addirittura a livello della strada. I fuochi d’artificio esplodono ad un’altezza tre volte superiore a quella della Statua della Libertà!
  • Washington, D. – Ogni anno, la capitale del paese ospita l’evento “A Capitol Fourth” sul prato del Campidoglio. È gratuito e aperto a tutti: tutto quello che dovrete fare sarà presentarvi, sedervi su una coperta ed ecco fatto (attenti a non dimenticarvi il cesto del picnic)! Ascolterete musicisti famosi, tra cui un’orchestra che suonerà l’Ouverture 1812 di Tchaikovsky sullo sfondo di uno straordinario spettacolo pirotecnico che illuminerà il cielo tra il Campidoglio e il Monumento a Washington.
  • San Francisco – Se passerete le vacanze sulla West Coast, San Francisco è praticamente imbattibile quando si tratta di festeggiare il 4 luglio. Recatevi a Fisherman’s Wharf, dove potrete ammirare i fuochi d’artificio sulla Baia di San Francisco. Potete anche scialacquare i vostri risparmi in una crociera per assicurarvi che non ci sia nulla a bloccarvi la visuale!
  • San Diego – Questa è solo per ridere… ma è impossibile parlare del 4 luglio senza ricordare il fiasco di San Diego nel 2012, quando TUTTI i fuochi d’artificio esplosero simultaneamente. Il risultato fu un boato clamoroso di 30 secondi per uno spettacolo che sarebbe dovuto durare quasi 20 minuti!

Se siete alla ricerca di un’autentica esperienza americana, non c’è niente di meglio del 4 luglio. Cibo, famiglia e fuochi d’artificio – cosa si può chiedere di più?

Portami negli USA!

Di Leah Ganse

Che cosa ne pensi?