Inseguite l’estate!

L’estate ci sembra sempre troppo breve quando, rassegnati, ci apprestiamo a nascondere in fondo all’armadio i nostri vestiti estivi, a trascorrere i fine settimana in città e a vedere le giornate farsi sempre più corte e buie. Ma se l’Europa a nord delle Alpi si prepara ad affrontare i primi brividi di freddo, ci sono moltissimi altri posti in cui l’estate sembra volersi attardare, lasciando i suoi ultimi strascichi nell’aria leggermente frizzante e nei toni caldi dell’autunno. In questo periodo, alcune delle nostre destinazioni sono all’apice della loro bellezza. Perché dunque non far durare la vostra estate anche nei mesi di settembre ed ottobre?

I colori del Canada e degli Stati Uniti

Il periodo di fine estate, quello che precede la caduta delle prime foglie e pervade la città con un’atmosfera fresca e leggermente malinconica, viene da sempre celebrato in libri, film e moderne storie urbane, ambientati in città come New York, Boston, Toronto e Vancouver. La maggior parte dei turisti ha lasciato la città, sostituiti dagli studenti delle principali università americane e canadesi che riprendono i corsi tra settembre e i primi di ottobre, ben felici di ritrovare i loro compagni e di rituffarsi nella vita universitaria, dopo un’estate trascorsa insieme a genitori e parenti.

Questo è anche il momento preferito dai nostri studenti per vivere l’esperienza di un soggiorno accademico di 3, 6 o 9 mesi all’estero, in una città allietata da un calendario di eventi sensazionale. La stagione perfetta per scoprire gli Stati Uniti e il Canada!

Kitsilano showboat

Foto: Richard Eriksson

Settembre è ancora un mese caldo e soleggiato a Vancouver, l’ideale per approfittare della splendida spiaggia di Kitsiliano Beach: volgendo lo sguardo dall’altro lato della baia, le cime delle montagne leggermente spruzzate di neve conferiscono al paesaggio un fascino unico e a tratti irreale, con il tepore della spiaggia sotto i piedi e le vette bianche all’orizzonte. Il soggetto fotografico perfetto per stupire gli amici con qualche scatto particolare.

In questo periodo, sono spesso disponibili voli a prezzo scontato per visitare il Canada: un’occasione irripetibile per partecipare ai numerosi eventi culturali che si svolgono al termine della stagione estiva, come il Vancouver Fringe Festival e il Vancouver International Film Festival. Per avere un’idea della grande proposta culturale e ricreativa di Vancouver, date un’occhiata all’articolo Dieci cose da fare a Vancouver con meno di 20 dollari”.

Un’altra città del Canada ad offrire un ricco calendario culturale a fine estate è Toronto, sulla costa orientale del paese, con il suo Toronto International Film Festival di riscontro mondiale. In questo periodo, l’umidità e il caldo torrido dei mesi estivi lasciano spazio ad un clima più temperato e non è raro incontrare abitanti e i visitatori in sella alla loro bicicletta o durante una partita di beach-volley sulle spiagge del Lago Ontario.

Autumn Beach

Foto: Nicola

Se non siete ancora pronti a rinunciare al caldo estivo, la costa occidentale degli Stati Uniti non vi farà rimpiangere un’Europa inesorabilmente indirizzata verso l’inverno. Approfittate delle strade animate, dei parchi accoglienti e delle spiagge assolate di Los Angeles, per prolungare la tintarella e il divertimento ed osservare i numerosi surfisti che rincorrono la marea: da settembre a novembre, i surfisti di tutto il mondo inseguono l’onda perfetta da nord a sud della California, da San Francisco a San Diego, passando ovviamente per Los Angeles.

Nello stesso periodo, la costa orientale statunitense è un’autentica esplosione di colori. Il caldo estivo ha allentato la presa, sostituito da un’aria frizzante e piacevole, con una media di 16°C – 24°C a New York City nei mesi di settembre ed ottobre. Le orde di turisti che brandiscono macchine fotografiche sono scomparse e potrete finalmente passeggiare per le strade della città senza il timore di essere immortalati in qualche foto di gruppo.

Si dice che ottobre sia il mese più tranquillo a New York, ma non lasciatevi condizionare da questo falso mito: il programma culturale è ancora ricco di sorprese e, in ogni caso, il periodo più calmo della Grande Mela equivale all’alta stagione del 99% delle altre città nel mondo! Non ci credete? Date un’occhiata ai nostri consigli per trovare 20 cose da fare a New York City sotto i 20 dollari.

fall foliage

Foto: dfbFotos

Vi siete mai chiesti cosa rende l’atmosfera della East Coast così magica in autunno? C’è un qualcosa di mistico nell’aria stuzzicante, che sfiora le fronde degli alberi e ne movimenta le brillanti sfumature rosse, gialle e marroni. Una leggenda nativa Wyandot racconta di un orso, egoista ed orgoglioso, che spesso creava subbuglio tra gli Animali del Grande Consiglio, fino al giorno in cui un cervo impertinente lo affrontò in un terribile scontro e lo trafisse con le sue corna. Un potente lupo intervenne nella lotta per vendicare l’orso e il cervo dovette fuggire sui sentieri del Cielo, perdendo gocce di sangue dalle corna. Il suo sangue cadde nel Mondo di Sotto, penetrando nella terra e colorando le foglie con mille sfumature rosse, scarlatte, cremisi e marroni.

Davanti alle fulve chiome dell’autunno nordamericano, potrete capire perché le foglie sono una parte così importante della mitologia dei nativi americani. Un viaggio nella ricchezza cromatica di questa stagione sarà un’esperienza indimenticabile!

Come a New York, il clima di Boston è perfetto nel mese di settembre, con punte di tepore fino ad ottobre, quando la città si riveste dei toni caldi dell’autunno e gli  studenti delle famose università riprendono le lezioni. In questo periodo, il calendario culturale della città è particolarmente interessante, con il Boston Arts Festival, il Boston Film Festival e il South Boston Street Festival. Un momento fantastico per visitare la culla della cultura americana!

Il fascino del Sud Europa

Imparare l’inglese alla fine del periodo estivo, con la garanzia di trovare un clima ancora piacevole… per quanto siano affascinanti, no, non sono le Isole Britanniche. Stiamo parlando di Malta, perla del Mediterraneo, che anche all’inizio della stagione autunnale offre temperature sopra i 20° gradi e un mare perfetto per fare qualche tuffo, dedicarsi alle immersioni subacquee e cimentarsi con lo snorkeling. Le correnti provenienti dall’Africa potrebbero causare qualche temporale passeggero, ma le possibilità che ci siano delle vere perturbazioni sono piuttosto basse. L’arcipelago maltese è davvero spettacolare in questo periodo dell’anno e potrete ammirarlo in tutta la sua autentica bellezza, dato che la maggior parte dei turisti ha già lasciato le sue coste per fare ritorno a casa.

taormina beach

Taormina. Foto: gnuckx

Dopo le due settimane di ferie nazionali ad agosto, gli abitanti delle città italiane sono pronti a rimettersi all’opera, lasciando le principali destinazioni di mare relativamente libere dal turismo di massa. Che ne dite dunque di un viaggio indimenticabile in Italia, per prolungare la stagione estiva? Potrete approfittare al massimo del clima piacevole e della tranquillità di Taormina, Tropea, e Salerno dopo l’allegra confusione dell’alta stagione, per poi risalire la penisola passando per Roma e Venezia.

Più ad ovest, la Spagna sembra non voler entrare nella stagione autunnale, con temperature che sfiorano regolarmente i 30 °C in Andalusia. Cordoba e Granada sono al massimo del loro splendore, mitigate da un clima eccezionale, così come Malaga, dal fascino inalterato, e Cadice, con alcune delle spiagge più belle del mondo. Durante il vostro viaggio nella regione dell’Andalusia, a sud della penisola iberica, non potrete mancare al Vendimia festival, la festa che celebra la raccolta dell’uva a Jerez, vicino all’incantevole città di Siviglia.

Non esitate a contattarci per qualsiasi consiglio o informazione complementare sulla vostra meta preferita per inseguire l’estate. Saremo felici di aiutarvi nella scelta della destinazione più adatta a voi.

Scoprite i nostri corsi d’inglese negli Stati Uniti e in Canada, insieme a tutti i nostri programmi di soggiorni linguistici all’estero.

Print Friendly