Le tradizioni natalizie in Europa

 

Pensate che le tradizioni di Natale siano uguali in tutto il mondo? Sbagliato! Le città di tutta Europa festeggiano il 25 Dicembre nei modi più diversi che possiate immaginare. Che abbiate in programma un viaggio verso queste fantastiche città durante le Feste o siate semplicemente incuriositi dalle diverse tradizioni natalizie in Europa, sedetevi, rilassatevi, prendete una tazza di cioccolata calda e gustatevi la nostra lista.

 

Londra

Se avete in mente di visitare Londra il 25 Dicembre, potreste rimanere sorpresi! Sì, perché i mezzi pubblici rimangono fermi il giorno di Natale perciò, se desiderate esplorare i vari quartieri della città, dovrete farlo a piedi. Un’altra curiosità che vale davvero la pena vedere è la tradizionale nuotata natalizia nel lago Serpentine di Hyde Park. Il tuffo da brividi non è però per tutti: solo chi è membro del Serpentine Swimming Club può partecipare, ma è comunque un evento stradivertente da seguire!

 

Mentre vi trovate lì, date un’occhiata alla Winter Wonderland di Hyde Park, un affascinante mercatino di Natale con giostre in stile parco divertimenti. Ma qualsiasi cosa abbiate in mente di fare, non dimenticatevi del discorso della Regina trasmesso in TV il giorno di Natale alle 15.00! Infine, nessun Natale a a Londra potrebbe dirsi tale senza aver aperto il vostro “Christmas Cracker”, un pacchetto a forma di caramella contenente una coroncina di carta, un piccolo giocattolo di plastica e un biglietto con una battuta il più delle volte scontata. Non è Natale finché non avete indossato la vostra corona!

 

Roma

  

Se trascorrerete le Feste a Roma, una delle cose più particolari che possiate fare è seguire l’omelia di Natale del Papa a San Pietro (ma assicuratevi di prenotare i biglietti online con largo anticipo). Se sarete così fortunati da passare la Vigilia di Natale con una famiglia di Roma, passerete una serata indimenticabile. La cena della Vigilia si compone di 7 o più portate! Fortunatamente tendono ad avere ingredienti leggeri, come pesce e verdura, per non esagerare prima dell’importantissimo Pranzo di Natale! Se vi fermerete in Italia fino al giorno dell’Epifania, il 6 gennaio, conoscerete la Befana, una vecchietta che riempie la calza di dolcetti per i bambini che si sono comportati bene e di carbone per quelli che sono stati cattivi – non dimenticatevi di lasciarle un bicchiere di vino rosso 😉

 

Barcellona

 

Non troverete altre tradizioni natalizie in Europa più strane di quelle di Barcellona! La prima ha sicuramente a che fare con la scena della Natività, che i bambini di Barcellona adorano ricostruire con tutti i personaggi. Guardate attentamente il presepe però, e noterete la figura del caganer, un tradizionale contadino catalano accovacciato mentre… va in bagno. Le origini sono oggetto di dibattito, ma non sorprendetevi quando lo troverete nei mercatini di Natale a Barcellona!

Un’altra curiosità di Barcellona è il Tió de Nadal, un tronchetto con faccia, cappello e gambe. Viene allestito in soggiorno e i bambini gli danno da mangiare durante tutto l’Avvento. Poi, alla Vigilia di Natale, i bambini cantano una canzone mentre lo colpiscano con un bastone, affinché faccia uscire i regali dal suo didietro – sì, è una cosa vera!

 

Berlino

 

A Berlino non è Babbo Natale a portare i regali, ma il Christkind, il Bambin Gesù. Rappresentato come versione infantile del Cristo, con i boccoli d’oro e una corona in testa, è un personaggio piuttosto diverso dal vecchietto barbuto a cui siamo abituati! Per quanto riguarda la cena della Vigilia, le famiglie tedesche mangiano un piatto semplice a base di salsicce e insalata di patate, per ricordarsi delle difficoltà di Maria e Giuseppe a trovare un posto per la notte… ma non preoccupatevi, il giorno dopo ci saranno tantissimi biscotti di Natale da mangiare!

 

Parigi

 

La Ville Lumière, invece, punta tutto sulla cena della Vigilia! Il Réveillon consiste in ostriche, caviale e foie gras – vi sareste aspettati niente di meno da Parigi? Non potete però visitare la città nel periodo di Natale senza assaggiare il bûche de noël, una sorta di tronchetto di Natale con crema al burro. Lo troverete in tutte le pasticcerie della capitale francese!

 

Menzioni d’onore

 

  • L’albero di Natale più grande d’Europa si trova a Lisbona ed è alto 76 metri (anche se, naturalmente, non si tratta di un albero vero!).
  • Nei Paesi Bassi, potete tranquillamente dimenticarvi di Rudolph e delle altre renne… la slitta di Babbo Natale è trainata da un cavallo bianco che si chiama Amerigo.
  • La Svezia celebra il Natale con una capra gigante di paglia. Purtroppo, ogni anno, soccombe ai danni di vandali e piromani!
  • Il Giorno dei Morti o di Natale? In Galles, il teschio di una giumenta chiamata Mari Lwyd viene portata in processione lungo le strade e accompagnata da canti natalizi.
  • Babbo Natale ha un alter ego a Vienna e a Monaco di Baviera – i Krampus (diffusi anche nel Nord-Italia) sono delle specie di demoni che terrorizzano i bambini disobbedienti e dispettosi!
  • La Vigilia di Natale in Polonia si chiama Wigilia e inizia non appena viene avvistata la prima stella della notte. Una cena a base di 12 portate, con la carpa come piatto forte… speriamo abbiate appetito!
  • Dimenticatevi di un solo Babbo Natale – in Islanda, ci sono ben 13 Jólasveinar (personaggi del Natale) che portano i regali! Assicuratevi solo che tra i vostri regali ci sia un capo di abbigliamento… altrimenti potreste essere mangiati dal Jólakötturinn, il gigantesco gatto del Natale!

 

Ci siamo per caso dimenticati di alcune delle vostre tradizioni natalizie preferite in Europa? Scrivetecelo nei commenti qui sotto! E Buon Natale! J

Crediti fotografici: Roma di Giuseppe Milo via cc, Barcellona di Valerie Hinojosa via cc e Berlino di Marcus Meissner via cc